Cosa fare a Portorose in un giorno

CategorieGiochiTurismo

Sulla costa adriatica Slovena, a pochi chilometri dal confine Italiano, nasce Portorose, una piccola cittadina sempre più in espansione dal punto di vista turistico. La posizione geografica è apprezzata da tutti i visitatori, infatti si trova in una baia riparata dal vento, che in passato serviva come riparo per le navi durante le tempeste. Portorose è conosciuta soprattutto come città termale infatti è una località dove il relax fa da padrone, ma è caratterizzata anche da casinò e ristoranti. Se non si ha molto tempo a disposizione, la città può essere visitata anche in un solo giorno. Anche il casinò di Portorose è famoso e attrae giocatori e visitatori da molti paesi d’Europa. Per saperne di più si può visitare questo link: https://www.casino-slovenia.net/location/portorose/

Cosa fare a Portorose in un giorno

Portorose è il posto ideale dove potersi rilassare in completa tranquillità e prendersi una pausa dalla routine quotidiana. Ecco perché una delle prime cose da fare a Portorose è sicuramente andare alla scoperta dei centri termali della città per prendersi cura del proprio benessere. Fin dal passato le persone da tutta Europa accorrevano in questa zona della Slovenia per curarsi con le benefiche acque termali. Così, approfittando di questo patrimonio naturale, le strutture si sono adoperate per creare dei centri di benessere esclusivi accessibili a qualsiasi persona, per portare avanti la tradizione che la città si è guadagnata con il tempo. Tra la maggioranza delle strutture che offrono questi servizi ci sono i vari alberghi della zona, oltre ai centri specializzati. È possibile utilizzare piscine, saune, talassoterapia, massaggi terapeutici con fanghi o massaggi specifici come quelli thailandesi, drenanti e tantissimi altri.

Un’altra cosa da fare a Portorose è visitare le spiagge. Infatti è proprio qui che si trova la spiaggia più grande di tutta la Slovenia, Okolje. La spiaggia è ben attrezzata con sdraio e ombrelloni e con un mare cristallino. Da vedere è Baia della Luna, accessibile solo attraverso una barca o a piedi, per apprezzare lo splendido spettacolo delle acque azzurre. O ancora, per ammirare un panorama più selvaggio, Strugnano è il posto adatto. Si differenzia per le rocce e le falesie frastagliate a picco sul mare.

Un luogo da non perdere assolutamente a Portorose è il Parco Naturale delle Saline di Sicciole. Rappresenta la storia del posto tanto è vero che si cominciò nel medioevo a coltivare i campi di sale, ogni cosa è documentata e visibile nel piccolo museo del posto. Ad oggi, le saline sono ancora attive e si estendono su una zona di 65 ettari. Sono caratterizzate da un territorio paludoso e da diversi canali su cui si arginano le saline. Il sale coltivato viene poi usato sia in cucina sia per creare prodotti di bellezza e benessere.

Dalle saline di Sicciole è possibile percorrere il Sentiero della Parenzana. Noleggiando delle bici, il percorso lungo 30 chilometri, offre degli scorci panoramici tutti da ammirare.
Per concludere la giornata a Portorose, il lungomare di Obala è la scelta giusta. I numerosi stabilimenti balneari che di giorno ospitano chi vuole rilassarsi e prendere il sole, di sera diventano dei graziosi locali dove poter trascorrere le serate sulla spiaggia a divertirsi e a gustare le pietanze e i drink tipici della zona, magari mentre il sole tramonta. Obala è il centro della vita di Portorose soprattutto perché sul lungomare si affacciano gli hotel più belli e noti di tutta la città che attirano i turisti grazie ai loro casinò in cui tutti possono giocare e sperare di essere fortunati nel vincere anche soltanto una piccola somma.

Come arrivare a Portorose

Raggiungere Portorose è semplice. Si può arrivare in aereo, atterrando a 6 chilometri di distanza dalla città. Oppure attraverso l’autostrada A4, dopo aver raggiunto Trieste, basta superare il confine e seguire le indicazioni per Rabuiese per poi immettersi nella strada A1 che porta direttamente nella baia di Portorose.

Circa l'autore